Lo studio, promosso dall’associazione Two Sides, sulle preferenze, le percezioni e gli atteggiamenti verso il packaging.

Le preferenze dei consumatori in materia di packaging

Lo studio, promosso dall’associazione Two Sides, sulle preferenze, le percezioni e gli atteggiamenti verso il packaging.

È stata pubblicata la ricerca Il packaging agli occhi del consumatore europeo – 2020 promossa Two Sides, uno studio sulle preferenze e i comportamenti dei consumatori nei confronti degli imballaggi. L’associazione globale, con oltre 600 associati, ha intervistato circa 5.900 consumatori in tutta Europa, suddivisi fra Austria, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Svezia e Gran Bretagna. Ecco, in sintesi, i risultati della ricerca.

La ricerca di Two Sides sul packaging e le preferenze dei consumatori

Il valore del mercato europeo del packaging nel 2018 era di 195 miliardi e, si prevede di raggiungere i 214 miliardi nel 2023. Una crescita determinata dall’importanza che, ormai, ha acquisito il packaging come fattore nella decisione d’acquisto. Esso, infatti, mostra informazioni sulla vita del prodotto e viene utilizzato per presentarne e migliorarne le qualità. Il packaging può assumere varie forme e l’industria degli imballaggi introduce sempre nuove proposte, pronte a soddisfare le esigenze del consumatore.

Il tema della sostenibilità resta centrale, poiché la confezione tende ad essere smaltita quando un prodotto è stato acquistato e tolto dall’imballo. Per questo motivo, è importante comprendere quali siano le percezioni dei consumatori quando si parla del materiale con cui è fatto un packaging.«Oggi più che mai, il packaging è oggetto di grande attenzione nel percorso verso l’attuazione di un’economia circolare. I consumatori sono sempre più consapevoli delle proprie scelte di packaging quando acquistano e questo, a sua volta, mette pressione alle attività della filiera, in particolare in ambito retail. La cultura del “fare, usare, gettare” sta lentamente cambiando. Abbiamo condotto questa ricerca per comprendere le percezioni dei consumatori quando si parla di packaging». Con queste parole, Jonathan Tame, amministratore delegato di Two Sides Europa ha commentato l’indagine che offre numerosi spunti di riflessione. Vediamo quali.


Richiedi la ricerca completa di Two Sides

  Con l’invio del modulo di contatti l’interessato dichiara di aver letto l’Informativa sulla Privacy, di averla compresa in ogni sua parte e di acconsentire al trattamento dei dati personali (campo obbligatorio).
L’interessato, compreso che il consenso è revocabile in qualsiasi momento con comunicazione a mezzo di email, per l’invio della Newsletter:


Le preferenze dei consumatori rispetto al packaging

Per quanto riguarda i materiali del packaging emerge con chiarezza la preferenza dei consumatori per gli imballaggi in carta e cartone. In tal senso, il 72% ha dichiarato di preferire questo materiale perché compostabile. Il 62%, invece, ritiene che essi siano migliori per l’ambiente, mentre il 57% li preferisce perché sono facili da riciclare.

Il comportamento dei consumatori rispetto agli imballaggi

Anche il comportamento dei consumatori nei confronti del packaging è stato oggetto dell’indagine. Il 70% dei consumatori ha dichiarato di contribuire attivamente nella riduzione del consumo degli imballaggi di plastica. Addirittura, il 48% degli intervistati ha ammesso di evitare quei rivenditori che non provano, almeno, a ridurre i loro imballaggi in plastica non riciclabile. E, da questo punto di vista, la maggior parte degli europei – nello specifico il 58% degli intervistati – ritiene che l’utilizzo di imballaggi non riciclabili debba essere scoraggiato anche facendo ricorso a una tassazione.

Il packaging nello shopping online

Un altro tema particolarmente sentito, in relazione al packaging, è quello del commercio elettronico. Milioni di cittadini, ogni anno, ricevono decine di prodotti acquistati online e consegnati in appositi packaging. Un fenomeno particolarmente importante da tenere in considerazione. Infatti, il 66% dei consumatori ha ammesso di preferire che i prodotti acquistati online siano consegnati in packaging di carta, anziché di plastica. Addirittura, il 73% degli intervistati ha spiegato di preferire packaging che calzino a pennello ai loro prodotti acquistati online, invece di packaging più grandi che si traducono in spreco di risorse.

La percezione del riciclo nei consumatori europei

La questione del packaging, come abbiamo visto, negli ultimi anni ruota intorno alla sostenibilità. Il 30% degli intervistati, in questo senso, ritiene che il riciclo dei packaging in cartone, attualmente, sia superiore al 60%. In particolare, la percezione è che l’85% degli imballaggi in carta e cartone venga riciclato. È interessante notare, poi, che il 64% dei consumatori è a conoscenza di FSC, mentre il 55% dichiara di conoscere il PEFC. L’elevata attenzione verso il riciclo è dimostrata anche dalla conoscenza del simbolo del riciclo, il nastro di Möbius . L’86% degli intervistati, infatti, ha dichiarato di conoscerlo e, non a caso, è considerata l’etichetta più conosciuta in Europa.

Le shopping bag secondo i consumatori

Altro tema interessante, questa volta riguardante il commercio tradizionale, concerne le shopping bag. Secondo i consumatori, dal punto di vista ambientale, le shopping in carta sono preferibili ad altre tipologie. Per il 52% degli intervistati la scelta è determinata dalla riciclabilità, per il 47% per la compostabilità e per il 43% perché realizzata con materiali rinnovabili. Per confronto, le bag in cotone/tela, invece, sono preferite dal 59% degli intervistati per la sensazione premium, dal 55% per la durabilità e dal 52% per l’attrattività di questo prodotto.


Richiedi la ricerca completa di Two Sides

  Con l’invio del modulo di contatti l’interessato dichiara di aver letto l’Informativa sulla Privacy, di averla compresa in ogni sua parte e di acconsentire al trattamento dei dati personali (campo obbligatorio).
L’interessato, compreso che il consenso è revocabile in qualsiasi momento con comunicazione a mezzo di email, per l’invio della Newsletter: